Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

Stampa questa pagina

GIORNATE MEDIOEVALI

Localizzazione
Pro Loco, residenti, associazioni, artigiani ed operatori economici del borgo turistico, di origine medioevale, sorto intorno al maniero Federiciano di Lagopesole.

Il borgo di Lagopesole, che accoglie le giornate medioevali, ha un nucleo storico centrale, rimasto invariato e riportante ancora oggi gli elementi caratteristici dell'architettura medioevale.

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
Valutazione interesse culturale L'iniziativa nata molti fa con l'intento di animare il borgo di Lagopesole durante il periodo estivo al fine di offrire spazi attrattivi per i tanti turisti in visita al castello di Federico II, con il passare degli anni ha avuto uno sviluppo ed un arricchimento tale da farlo diventare un appuntamento irrinunciabile per l'intera regione Basilicata ed in particolare per tutto il bacino del Vulture. Le manifestazioni, inserite nel programma, sono riuscite, nel tempo, ad intercettare l'interesse e gli investimenti degli imprenditori locali e delle associazioni che sempre più investono, nella promozione turistica del territorio, risorse ed energie.
Contesto le manifestazioni fanno rivivere le tipiche giornate medioevali curando in particolare l'allestimento del borgo con arredi ed atmosfere musicali tipiche del periodo di rievocazione. Inoltre all'interno del borgo vengono allestiti percorsi gastronomici a tema che attingono a piene mani agli antichi ricettari del medioevo, oltre all'allestimento di un campo di gara per le rappresentazioni dei combattimenti fra cavalieri.
Descrizione modalita' di gestione gli eventi sono costruiti partendo da atti storici dedotti da un lavoro di ricerca e di consultazione della vasta letteratura scientifica nazionale ed internazionale dell'età medioevale con particolare riferimento al territorio. Con questi eventi si raggiunge l'obiettivo di favorire l'identità storico-sociale del Comune, ponendo in luce gli aspetti storici, linguistici e geografici, messi spesso in ombra da altri eventi storici che hanno interessato il territorio aviglianese (brigantaggio)
Caratteristiche significative Gli eventi articolati durante tutto il periodo estivo scandiscono e rappresentano le tipiche giornate medioevali:
- dai cortei storici rievocativi della visita, documentata, di Federico II "IN CAMPIS ET IN CASTRIS LACUS PENSILES" ricchi di figuranti che sfilano con gli abiti nobiliari del tempo, frutto della ricerca di storici locali e delle sapienti mani di sarte del luogo.
- agli spettacoli di falconeria, in pieno campo, che rievocano le battute di caccia, molto amate dall'Imperatore Federico II.
-ai mercati, allestiti con i prodotti tipici del territorio lucano, frequentati dai "popolani", che animano il borgo insieme a giocolieri, menestrelli e saltimbanchi i quali intrattengono anche i cortigiani durante i banchetti allestiti in un percorso gastronomico a tema.
A conclusione delle giornate medioevali il Palio dei tre feudi disputato secondo i canoni della veridicità storica dell'epoca federiciana.
Bibliografia - Federico II - vita meravigliosa e tragica - di Raffaele Nigro - collana i "Quaderni di Lagopesole" edito da litostmpa Ottaviano - maggio 2001;
- L'uomo medievale- di F. Cardini - a cura di J. Le Goff- 5° ed. Roma, Bari Laterza, 1988;
- La vita quotidiana Medioevale di R. Delort - Roma, Bari, Laterza, 1989;
- A tavola nel Medioevo di R. Odiel, Sabban Francoise e Serventi Silvano;
- Il Castello di Lagopesole - note storiche e divagazioni - di Michele Saraceno- collana i "Quaderni di Lagopesole - litostampa Ottaviano - 19897/2007;

 

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione della comunità
La location che ospita le manifestazioni favorisce e stimola il coinvolgimento di tutta la comunità del borgo e dell'hinterland.
Operatori economici, associazioni culturali, singoli cittadini sono chiamati a partecipare attivamente alla realizzazione degli eventi messi in cantiere

 

 

Dove Mangiare


Ristoranti

Ristorante La Cantina di Rosa Pepe
Via San Biagio, 34
85021 - Avigliano (PZ)
Tel.: 0971 700955 - Fax: 0971 700955
Cell.: 339 866400
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
POSIZIONE: periferia
PERIODO DI APERTURA: annuale
TIPO DI CUCINA: specialità pesce - per intolleranti (celiachi, diabetici, ecc.)

Osteria Medioevo
Via Giacomo Leopardi, snc - Fraz. Lagopesole
85020 - Avigliano (PZ)
Tel.: 0971 86350 - Fax: 0971 86350
Cell.: 340 9004747
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.osteriamedioevo.it
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: martedì
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità carne

Ristoranti-Pizzerie

Ristorante Lo Sfizio
S. Nicola di Pietragalla - C.da Patacca
85021 - Avigliano (PZ)
Tel.: 0971 85176 - Fax: 0971 85176
Cell.: 347 1373346
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.losfizio.it
POSIZIONE: distante km. 2 dal centro abitato
PERIODO DI APERTURA: annuale
APERTURA: a pranzo e a cena
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: martedì
TIPO DI CUCINA: nazionale ed internazionale - per intolleranti (celiachi, diabetici, ecc.)

Pub e paninoteche

Birreria La Tana Dei Lupi
Contrada Paoladoce, 84 - Possidente
85021 - Avigliano (PZ)
Tel.: 0971 87109
Cell.: 347 0317152
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
POSIZIONE: periferia
PERIODO DI APERTURA: annuale
APERTURA: a cena
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: martedì
TIPO DI CUCINA: tipica locale

Dove Dormire

Hotel Ristorante Summa [Albergo]
Viale delle Ginestre, 6
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 0971 82420 Fax 0971 82449

Affittacamere Portacastello [Affittacamere]
Viale A. Doria, 56 - Fraz. Lagopesole
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 393 1901018

Borgo Lamurese [Affittacamere]
C.da Cefalo, 19
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 393 2613408 Fax 0971 1830464

B&B La Masseria del Marchese [Bed and breakfast - Standard]
Via Lago del Monaco, 1 - Loc. Lagopesole
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 349 1388182

B&B Le Gemme [Bed and breakfast - Standard]
Via Lucania, 2 - Loc. Lagopesole
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 348 7814873 Fax 0971 86167

B&B Lacus Pensilis [Bed and breakfast - Comfort - Comfort]
Via G. Leopardi, s.n.c. - Loc. Lagopesole
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 320 0349666

B&B Lacus Pensilis [Bed and breakfast - Comfort - Comfort]
Via Giacomo Leopardi - Fraz. Lagopesole
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 320 0349666

La Dimora di Federico [Locanda rurale]
Via Dante Alighieri, 19 - Fraz. Lagopesole
85021 - Avigliano (PZ)
Tel. 389 6284603

Storia e cultura

La storia

I primi reperti archeologici attestano che il paese esistesse già agli inizi dell’alto medioevo, secondo un’antica leggenda venne fondato dai Sanniti, conquistati dalla salubrità dell’aria e dalla sicurezza del luogo. È sotto la dominazione normanna che il paese conosce momenti di fulgore ed è proprio in questo territorio, nella frazione di Lagopesole, che l’Imperatore Svevo Federico II, fa edificare il Castello di Lagopesole, la residenza estiva in cui spesso lo “Stupor Mundi” si rifugiava per praticare l’arte venatoria.

Un fenomeno importante come quello del brigantaggio investe il comune di Avigliano, radicandosi in particolare nelle campagne e nei boschi della frazione di Lagopesole, dove sorgono i più importanti nuclei comandati dai lucani Carmine Crocco, di Rionero in Vulture, e Giuseppe Nicola Summa, detto Ninco Nanco, proprio di origine aviglianese.

Il patrimonio culturale

Passeggiando per il centro storico si notano  palazzi settecenteschi, da Palazzo Doria a Palazzo Palomba, Corbo e Salinas, databili tra XIV, XVI e XVII secolo. Ma è d’obbligo una gita fuori porta al castello federiciano di Lagopesole, frazione di Avigliano.

Da vedere

Il castello di Lagopesole è il luogo in cui Federico II, Imperatore di Svevia, amava rifugiarsi per dedicarsi all’arte venatoria, una delle sue passioni, ed è stato il luogo prediletto da Manfredi, figlio dello stesso “Stupor Mundi”.

L’affascinante maniero medievale si lascia ammirare, adagiato com’è, su una collinetta che sorge sui fiumi Ofanto e Bradano e domina il borgo di Lagopesole. Il castello è un massiccio blocco rettangolare articolato su due piani e caratterizzato da due cortili, uno maggiore e uno minore, e una torre contraddistinta da una muratura bugnata nella parte superiore, tipica dell’architettura sveva.

Nell’Ottocento, rifugio dei briganti capeggiati da Carmine Crocco, oggi il castello è location prediletta per prestigiose iniziative culturali, in particolare “Il Mondo di Federico II”, che grazie ad un Museo Narrante e ad una multivisione dagli effetti scenici straordinari racconta la vita di corte al tempo dell’Imperatore Svevo.

Il patrimonio religioso

Ricoridano la  Basilica Pontificia di Santa Maria del Carmine, la Chiesa di Santa Maria degli Angeli (1615) e la cosiddetta chiesetta di Santa Lucia (1566), quindi la chiesa di San Vito (XVII sec.) e quella di Santa Maria de Cornu Bonu. Di interessante valore storico e architettonico sono anche i diversi monasteri come quello dei Frati Minori Riformati (1615).

IL SANTUARIO DEL SACRO MONTE DEL CARMINE

Edificato nel XIX secolo in onore della Vergine, il santuario dista circa otto chilometri da Avigliano,la sua origine è antica ed è legata alla storia e alle vicissitudini del popolo di Avigliano, secondo le quali nel 1694 una terribile carestia, prima, e un violento terremoto, poi, sconvolsero la tranquilla vita della cittadina lucana.

Ogni 16 luglio, la statua della Vergine viene portata in processione dalla Chiesa Madre del paese fino alla cappella del “Monte Carmine” e la seconda domenica di settembre, nel corso di un tragitto inverso, è ricondotta in paese, dove trascorre il periodo invernale.

LA CHIESA DI SANTA MARIA DEGLI ANGELI

Insieme all’annesso convento sono stati costruiti nel 1615 dai frati francescani dell’Ordine dei Riformati.La facciata è in stile barocco e i tre portali decorati da stipiti lavorati a punta di diamante.

LA CHIESA DI SAN VITO

Il tempio è dedicato a San Vito, compatrono di Avigliano insieme alla Beata Vergine del Carmelo, dal 1895.

LA CHIESA DI SANTA MARIA DE CORNU BONU

Questa chiesetta può essere ammirata sulla strada che da Avigliano conduce al comune di Ruoti, sempre nella provincia di Potenza.

È detta anche chiesa di Santa Maria delle Grazie e la sua esistenza risale al 1164. Più volte ristrutturata, al suo interno conserva diverse sculture settecentesche oltre alla statua della Madonna delle Grazie (1938). Per una serie di vicissitudini, la popolazione aviglianese è sempre stata molto devota a questa Madonna dedicandole processioni e varie manifestazioni di fede.

Gastronomia

Tra le varie pietanze della cucina tipica ci sono due prelibatezze come il Baccalà e il Tarallo Aviglianese.

Il Baccalà, protagonista di una rinomata sagra che si svolge ogni anno nel mese di agosto, è proposto in diverse varianti. Da provare assolutamente in versione “Ciauredda”, in umido con abbondanti cipolline fresche, peperoncino, pomodoro, prezzemolo e olio extravergine di oliva, o con i croccanti Peperoni “cruschi” di Senise (Igp) o, ancora, “patate e baccalaie ’nda la turtiera”, baccalà con patate ricoperte di mollica di pane in tortiera e cotti al forno.

Non mancano poi stuzzicanti portate a base di pasta fatta in casa, secondo la tradizione lucana, come i “cavatiedde” (cavatelli), con sugo di carne o con minestra. Nessuno può resistere poi al “Tarallo Aviglianese”, un fragile biscotto ricoperto da una leggera glassa di zucchero (naspro) che non si assapora altrove.

Natura e dintorni

Altro

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Storico
  • Mese: Ottobre
  • Località: Avigliano
From: