Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

R VEIJ D RU GRAN (LE VIE DEL GRANO)

Localizzazione

Luogo culturale     
Terra di confine, l'agro di Lavello è situato tra la Puglia, da cui prende la conformazione piana delle proprie terre e la Basilicata, riconoscibile nella fisionomia di parte del proprio abitato, posto su una collina a guardia della piana. Esteso verso la parte pianeggiante, Lavello è oggi una cittadina che è riuscita a sposare la parte più antica del Pescarello, con la parte più moderna, con strade larghe e costruzioni più tipicamente cittadine.
Nei secoli Lavello è sempre stato crocevia di commerci e luogo di passaggio di popoli, caratterizzandosi come luogo economicamente e culturalmente interessante. Il passaggio di genti di diverse culture e religioni, hanno fatto di Lavello un luogo culturalmente stimolante, in cui ogni cultura ha lasciato un segno visibile sia nei reperti, pochi ma di particolare interesse, sia negli usi e nei costumi.
Lavello è stato nei secoli un paese a vocazione prevalentemente agricola; nello specifico le vere tipicità sono sempre state i cereali, in maniera particolare il grano.
Questa vocazione è arrivata fino ad oggi e, grazie alla conformazione delle terre e alla ricchezza di acque, la produzione del grano resta una importante fonte economica.
Tra la semina del grano che avviene in Ottobre, e la sua raccolta in Giugno, l'agricoltore di Lavello vive il tempo lento della natura, pregando per l'esito positivo del proprio lavoro, il santo patrono San Mauro, che si festeggia in Novembre e in Maggio. Nella vita dell'agricoltore lavellese c'è la costante presenza del suo attaccamento alla terra, dai riti legati alla semina e al raccolto, alla socializzazione e al divertimento del Carnevale, momento di pausa dal duro lavoro agricolo, alle tipicità culinarie come il grano dei morti, ai costumi e alla musica e alle filastrocche propiziatorie.
Localizzazione geografica     
Nel progetto Le Vie del Grano, si intende dar vita ad un percorso educativo-culturale che ha come mission fondamentale la conoscenza di alcuni ambienti naturalistici di grande interesse storico e architettonico che si trovano nell'agro di Lavello, le masserie, le fontane, i tratturi e l'antico Bosco delle Rose e le sue due chiesette rupestri lì presenti.
Fonte di numerose leggende e storie, questi luoghi suggestivi e fermi nel tempo, raccontano la Storia della nostra terra, storia fatta di eserciti, quelli di Corrado IV, fatta di pellegrinaggi, quelli delle genti di Lavello, Palazzo, Venosa, storie di papi e santi che proprio qui hanno voluto lasciare il loro segno di santità.
Oggi oasi tra i vari centri urbani, le chiese del Bosco delle Rose, abbandonate al tempo e all'incuria dell'uomo, possono e devono ritornare ad essere dimora di una spiritualità perduta, un centro di ricerca storica e culturale.

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
Valutazione interesse culturale R veij d ru gran (le vie del grano) è articolato su tre ambiti differenti
- Formativo (interculturale, comunicativo)
- Promozionale (culturale, turistico)
- Educativo (storico, naturalistico, tradizionale)
I destinatari saranno i ragazzi, gli studenti delle classi e degli istituti di riferimento che in prima persona lavoreranno al progetto e, più in generale la comunità stessa che parteciperà all'evento-manifestazione.
Attraverso questo progetto vogliamo ricondurre le nuove generazioni alla scoperta delle tradizioni e far si che questa consapevolezza possa diventare volano economico per la nostra cittadina, un esempio di crescita culturale, lavorativa ed economica.
Solo guardando a quello che siamo stati ed in parte siamo ancora, la nostra comunità può affermare la sua identità e farne motivo di condivisione e di valorizzazione.
Contesto Il contesto in cui andiamo ad operare è in primis quello della nostra comunità che deve lavorare in sinergia con l'Amministrazione, la Pro Loco, le Associazioni, le scuole e tutte le agenzie educative e culturali, per riscoprire il valore della storia locale e delle tradizioni.
La valorizzazione del dialetto come lingua, del territorio come culla, della storia come momento artistico, della ricerca della musica e dei testi antichi che descrivevano la società contadina, ci farà affermare i valori autentici della comunità di Lavello.
Descrizione modalita' di gestione Le modalità di conservazione e di salvaguardia hanno previsto una
- dimensione operativa:
Le strutture e gli eventi che si realizzeranno, nonché i beni culturali oggetto di valorizzazione, saranno resi accessibili mediante forme di gestione privata, incoraggiate dall'Ente proponente Comune di Lavello, a cura di start-up giovanili nel settore della cultura e del sociale; il Comune di Lavello garantirà il controllo e il rispetto degli spazi e dell'accessibilità agli stessi;
- dimensione strategica:
Un comitato promotore inter-istituzionale (pubblico e privato) o una Fondazione, costituita su diretto impulso dell'ente proponente, ha il compito di attirare l'attenzione programmatica dei policy maker regionali e locali, nonché di pianificare e organizzare forme di accoglienza degli artisti e degli esponenti nazionali/internazionali del mondo della cultura (concorsi di idee, premi, seminari, festival, ecc.) al fine di incoraggiare espressioni artistiche in loco.
Caratteristiche significative L'idea progettuale del progetto Le Vie del Grano vuole valorizzare l'intero contesto culturale di appartenenza, quello della civiltà contadina.
Vogliamo in definitiva riscoprire, attraverso la tradizione agricola la cucina tipica, la musica folkloristica, le abitudini dell'accoglienza e del rituale contadino.
La finalità perseguita dal nostro progetto riteniamo possa realizzarsi attraverso tre interventi integrati:
- la ricerca storico-naturalistica di informazioni sui luoghi e la visita e l'esplorazione degli stessi;
- il coinvolgimento dei servizi e delle risorse presenti sul territorio affinché supportino l'Amministrazione durante il periodo laboratoriale. Intendiamo avvalerci della collaborazione delle Scuole, del Museo della Civiltà contadina, dell'Antiquarium, di agenzie editoriali e di tipografie;
- l'attività di laboratorio che orienti i ragazzi e i soggetti coinvolti, a guardare dentro le cose per scoprire le relazioni con la loro storia.
Bibliografia Le vie del grano. Mietitura e trebbiatura (Pro Loco Lavello)

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunita'
L'Ente incoraggerà forme di gestione privata.Ovvero le strutture e gli eventi che si realizzeranno, nonché i beni culturali oggetto di valorizzazione, saranno resi accessibili mediante forme di affidamento a privati, quali start-up giovanili nel settore della cultura e del sociale; il Comune di Lavello garantirà il controllo e il rispetto degli spazi e dell'accessibilità agli stessi, affinchè si registri il pieno coinvolgimento della comunità locale.La stessa comunità sarà attivamente coinvolta nelle attività di animazione e in occasione degli eventi celebrativi le vie del Grano, attraverso il ricorso al mondo del volontariato e dell'associazionismo.

Dove Mangiare


Ristoranti-Pizzerie

Antica Cantina Forentum
P.zza Plebiscito, 11
85024 - Lavello (PZ)
Tel.: 0972 85147
Cell.: 339 2058044
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.cantinaforentum.it
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
APERTURA: a pranzo e a cena
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: martedì
TIPO DI CUCINA: tipica locale - nazionale ed internazionale - per intolleranti (celiachi, diabetici, ecc.)

Ristoranti in albergo

Albergo Italia
Via Giovanni Robbe, 21
85024 - Lavello (PZ)
Tel.: 0972 88745 - Fax: 0972 88745
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: domenica
TIPO DI CUCINA: nazionale ed internazionale

Albergo La Coccinella
Via Pescara, 33/35
85024 - Lavello (PZ)
Tel.: 0972 86438 - Fax: 0972 85337
Cell.: 320 3084406
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.coccinellalavello.it
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: venerdì
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità pesce

Hotel San Barbato
S.S. 93 km. 56,300
85024 - Lavello (PZ)
Tel.: 0972 81392 - Fax: 0972 81392
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.hotelsanbarbato.it
POSIZIONE: distante km. 1,4 dal centro abitato
PERIODO DI APERTURA: annuale
SERVIZI: riscaldamento - aria condizionata - accesso disabili - bagno disabili - parcheggio riservato - sala fumatori - carte di credito
TIPO DI CUCINA: nazionale e internazionale

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Demoetnoantropologico
  • Mese: Luglio, Agosto, Settembre, Ottobre, Novembre, Dicembre
  • Località: Lavello
From: