Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

TORRI UMANE (P'ZZ'CANTÒ)

Localizzazione

L'Associazione "Torri Umane" è nata per la tutela e la salvaguardia dell'antica tradizione popolare dei balli tra torri di uomini che ad Irsina assumeva la denominazione di "P'zz'cantò". Tale ballo viene ripetuto ogni anno in occasione della festa della Madonna della Pietà l'ultima settimana del mese di maggio.
Localizzazione geografica     I balli tra torri di uomini, oltre che ad Irsina, erano praticati in tutto il meridione d'Italia. Nella regione Basilicata vi sono testimonianze storiche di balli effettuati da torri umane a Melfi, Ferrandina, Brindisi di Montagna e Genzano di Lucania. All'estero tali forme di ballo sono presenti in Grecia nella città macedone di Deskati, mentre in Spagna sono diffusi nelle regioni di Catalonia e Valencia.
Nell'agosto del 2013 il Festival delle Torri Umane riceve a Melfi il premio Bramea come miglior evento della Basilicata anno 2013.
La risonanza raggiunta dal Festival ha fatto sì che Ambrogio Sparagna richiedesse la esibizione delle torri umane a fine giugno 2015 all'Auditorium Parco della Musica a Roma per la festa patronale a rappresentare la Basilicata con il patrocinio dell'APT di Basilicata.
Tale risonanza inoltre ha fatto sì che lo stesso venisse inserito nel dossier di candidatura di Matera a Capitale Europea della Cultura per il 2019, unico evento per la Città di Irsina, evento rappresentativo del territorio.

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
Valutazione interesse culturale Il ballo tradizionale del "P'zz'cantò" è altamente radicato nel tessuto sociale irsinese. Conosciuto da tutti i bambini che lo utilizzano come gioco di strada, viene praticato dagli adulti in occasione della festa religiosa della Madonna della Pietà.
Contesto Le origini del P'zz'cantò sono remote e risalgono al periodo medievale. La più antica testimonianza è presente a Scalea (CS) con un quadro della Madonna della Pietà dove è raffigurato un ballo tra torri di uomini. Ad Irsina la tradizione nasce dalla congregazione degli Artigiani nel XVII secolo e si è tramandata fino ai nostri giorni.
Descrizione modalita' di gestione La modalità di conservazione e di salvaguardia della pratica è stata essenzialmente orale. L'Associazione Torri Umane di Irsina si propone di promuovere e diffondere la tradizione irsinese del pizzicantò e tutto ciò ad essa direttamente e indirettamente connessa con organizzazione dell'evento Festival internazionale delle Torri umane.
Caratteristiche significative La tradizionale torre umana è composta nella parte inferiore da 4 o 5 giovani che si tengono stretti con le braccia e si dispongono in cerchio e su di loro si arrampicano altri giovani fino a formare una torre. Non appena si raggiunge l'equilibrio la torre inizia a ruotare su se stessa al ritmo di strofe che alludono al pericolo, sempre imminente, di un capovolgimento sociale; nel continuo ruotare coloro che sono sopra devono reggersi stretti per non cadere, così come chi è sotto deve reggere con forza chi è sovrastante. Questa torre ad Irsina assume un significato ora religioso, ora politico, ora sociale. In passato non mancavano giovani che formavano il p'zz'cantò anche a tre piani e diversi erano i gruppi che costruivano torri. Vi era infatti il p'zz'cantò dei contadini, degli artigiani, ecc.
Bibliografia Irsina credenze, usanze, tradizioni Montepelosane. Michelino Dilillo ed. Giannatelli
Ambrogio Sparagna su un articolo pubblicato sul'Unità nel mese di giugno, definiva il gruppo delle Torri Umane presente a Roma all'Auditorium del Parco della Musica un esempio del sud bell'esempio di Sud che vuole riscattarsi.

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunita'
La realizzazione delle torri umane coinvolge l'intera comunità sia nel momento religioso che sociale e vede la partecipazione di molti gruppi (composti da 8-10 persone), soprattutto di giovani, che costruiscono torri di uomini. La partecipazioni di gruppi stranieri ha visto la partecipazione anche di torri realizzate da 100 persone.

 

Dove Mangiare

Ristorante-Pizzeria La Contessa
P.zza Garibaldi, 12
75022 - Irsina (MT)
Tel.: 0835 629790
Cell.: 340 7678022
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: lunedì
SALE DA PRANZO INTERNE: 2
COPERTI SALE INTERNE: 80
COPERTI ALL'APERTO: 40
SERVIZI: riscaldamento - area giochi bambini - carte di credito
PRENOTAZIONE: consigliata
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità carne - nazionale ed internazionale

 

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Demoetnoantropologico
  • Mese: Maggio
  • Località: Irsina
From: