Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

Stampa questa pagina

MADONNA DEL SAURO

Localizzazione

Centro abitato e santuario in località S. Maria del Sauro.Zona del Sauro alla foce del torrente Borrenza. Vi è un Santuario ed un parco dove si svolgono i festeggiamenti ed riti civili e religiosi il 1^ Maggio e la seconda Domenica d'Agosto.

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Santita' e vissuto religioso
Valutazione interesse culturale La popolazione Guardiese venera la Madonna del Sauro radicando il suo attaccamento a fatti storico/leggendari che narrano di un santuario costruito sull'onta di una emotività popolare che avrebbe visto la madonna assisa su un carro con ruote di pietra, trainato da una coppia di buoi. O, un'altra versione, che sia stato costruito per mettere fine a strani fenomeni che impedivano agli animali di abbeverare nel Sauro.
Contesto Il contesto è sul confino tra i riti pagani e religiosi e rende viva una tradizione religiosa che si traduce in feste popolari che riempiono il paese di Turisti, visitatori e religiosi dei paesi viciniori.
Descrizione modalita' di gestione La conoscenza e la salvaguardia del rito di venerazione della madonna del Sauro consiste in attività culturali e religiose improntate secondo le linee impartite dalla chiesa e secondo le esigenze pagane della popolazione. Riti di venerazione in chiesa, nel santuario e nel pese intero.
Caratteristiche significative La Madonna del Sauro è l'unica statua che sosta in paese nel periodo estivo e d'inverno al santuario, a conferma che sta lì per proteggere i contadini, che d'inverno erano costretti a passare il Sauro (idraulicamente denominato il torrentaccio per la sua caratteristica impetuosità di portata idraulica) per andare alla sponda Dx ovvero <
Bibliografia 1. A. Capano , Guardia Perticara. Note storiche. Il Salice Editore, Potenza 1990. 2. P. Cucchi e A. Messia, Bottcatasc, Editrice Ermes, Potenza 2004. 3. Fuccella, R. Summo, Guardia Perticara, Tecnostampa, Villa d'Agri 2002. 4. G. Racioppi, Storia della Lucania e della Basilicata, Loescher, Roma 1889. 5. Varuolo, Appunti per una monografia storica su Guardia Perticara, centro Giovanile Attività Culturali, Aliano 1190. 6. Storia mdi Guardia Perticara e della sua origine fino ai nostri giorni. Scritta da Giuseppe Pandolfi , fu Domenico, Cittadino di Guardia Perticara, A.D. 1. luglio 1960 (disponibile presso la locale biblioteca) 7. Aa. Vv, L'archivio della memoria. Identità , territorio e cultura nella Valle del Sauro, Zaccara Edizioni, Lagonegro 2008. 8. La voce del Borgo, periodico del Comune di Guardia Perticara. 9. Don Giovanni Dilenge, Parroci e Parrocchiani, Edizioni Circolo "Nicola Panevino" Aliano 2012

Piano di salvaguardia proposto

In allestimento

 

Dove Mangiare

Ristoranti-Pizzerie

Ristorante-Pizzeria La Taverna dei Benedettini di Nivia Celeste Curbelo
Via Armando Diaz, 17
85010 - Guardia Perticara (PZ)
Tel.: 0971 964095
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.latavernadeibenedettini.com
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
APERTURA: a pranzo e a cena
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: martedì
SALE DA PRANZO INTERNE: 3
COPERTI SALE INTERNE: 35
COPERTI ALL'APERTO: 15
SERVIZI: riscaldamento - accesso disabili
PRENOTAZIONE: consigliata
MENU: à la carte
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità carne

Ristorante-Pizzeria Vecchio Mulino
Via Roma, 36
85010 - Guardia Perticara (PZ)
Cell.: 347 9909150
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
POSIZIONE: centro
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: lunedì
SALE DA PRANZO INTERNE: 1
COPERTI SALE INTERNE: 35
COPERTI ALL'APERTO: 30
SERVIZI: riscaldamento - accesso disabili - carte di credito
PRENOTAZIONE: consigliata
MENU: à la carte
TIPO DI CUCINA: tipica locale - per intolleranti (celiachi, diabetici, ecc.)

Dove Dormire

Guardia Belvedere [Affittacamere]
Via San Vito, 4
85010 - Guardia Perticara (PZ)
Tel. 340 7923843

Az. Agr. Difesa D'Ischia [Agriturismo]
C.da Difesa D'Ischia
85010 - Guardia Perticara (PZ)
Tel. 0971 965248 Fax 0971 965248

Az. Agr. Masseria Pinto [Agriturismo]
Strada Provinciale 103 km. 86 - C.da Scalella
85010 - Guardia Perticara (PZ)
Tel. 0971 964244 Fax 0971 964244

Storia e cultura

La storia

Sono le testimonianze archeologiche a raccontare l’antichità del borgo, alcune delle quali rilevano la presenza di un abitato già dalla prima età del ferro. Le scoperte avvenute a Guardia Perticara, in località San Vito, sono state determinanti per avere maggiori dettagli sugli antichi abitanti della Basilicata: gli Enotri. Qui infatti sono stati rinvenuti corredi tombali risalenti al V secolo a.C., così come è stata certamente intensa l’influenza greco-ortodossa intorno al X secolo svelata dai rilevamenti di grotte basiliane.

Il patrimonio culturale

Si possono ammirare le casette in pietra, i palazzi antichi, le scale che si inerpicano fino al castello e da cui si domina l’intera valle del Sauro. Di forte impatto sono i portali di via Diaz, lo stemma di Palazzo Montano, il rosone di Casa Marra, il bassorilievo di San Nicola sul portale della chiesa madre di San Nicolò Magno, e poi l’arco Vico II in piazza Europa, e la mensola in pietra di Casa Sassone, ex castello.

Il patrimonio religioso

Da vedere la  chiesa di Sant’Antonio, costruita probabilmente tra la fine del XVI e l’inizio del XVII secolo, la chiesa di Santa Maria di Sauro, nell’omonima pianura dove alcuni contadini avrebbero visto la Vergine su un carro tirato da buoi. Di particolare valore è certamente la chiesa madre dedicata a San Niccolò Magno.

Archeologia

Scavi archeologici hanno portato alla luce la necropoli che si sviluppa sulle pendici di contrada San Vito, dove sono ben visibili le tracce della vita e della civiltà del popolo degli Enotri (V sec a.C).

Parte di questi resti si possono ammirare presso lo storico Palazzo Montano

Gastronomia

I piatti più gustosi sono quelli della tradizione contadina: dai “ferricelli” al sugo di carne, agli involtini di carne di maiale e cotica farcita. Spesso la pasta preparata in casa è condita con ottimo formaggio pecorino o, in alternativa con il rafano.

Da provare sono anche i formaggi e i salumi rigorosamente preparati secondo procedimenti artigianali che conferiscono un sapore unico.

Natura e dintorni

Dalla cima del colle su cui Guardia Perticara sorge si resta ammaliati dalla vista di un paesaggio sconfinato e splendido sulla valle del torrente Sauro, un grosso affluente del fiume Agri, il quale scorre tranquillo in un larghissimo greto ciottoloso.

Altro

Cinema

Per i suoi paesaggi e il caratteristico borgo dalle case in pietra, Guardia Perticara è stato in più occasioni set cinematografico.

L’ultima volta nel 2010 con il primo film da regista dell’attore lucano Rocco Papaleo, “Basilicata coast to coast”.

Ma molto tempo prima, nel 1979, il “paese delle case in pietra” ha ospitato anche la troupe del film di Francesco Rosi “Cristo si è fermato a Eboli” con Gian Maria Volontè nel ruolo di Carlo Levi, autore dell’omonimo romanzo da cui è stato tratto il film.

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Santità e vissuto religioso
  • Mese: Agosto
  • Località: Guardia Perticara
From: