Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

MEMORARE IUVAT: Recupero e valorizzazione della memoria storica di Gallicchio, dai Saraceni al Baronaggio.

Localizzazione

Comune di Gallicchio; comunità di Gallicchio; comunità dei monaci Basiliani insediamento di comunità Arabe nel X° e XI°secolo; molti testi storici riportano l'evento : le memorie di Vincenzo Mazziotta, Don Giovanni Attolini l'ultimo Barone di Gallicchio di Don Stefano Attolini, nuove luci Lucane di padre Tito e Rocco Robertella, Gallicchio in cartolina di Luigi Volpe, Gallicchio dalle origini all'Unità d'Italia.
Territorio di Gallicchio; grotta delle chiasce; sentiero u scaliell d'Orlando, scavi archeologici con rinvenimenti di una stazione etnica di epoca pre-Romana; ritrovamenti di suppellettili, monete,monili e vasellame di epoche diverse esposti, in parte esposte nel museo di Matera. Grotte in località Fosso dei Monaci.

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
Valutazione interesse culturale L'interesse del bene è soprattutto storico. L'intera comunità Gallicchiese trova, tradizionalmente, la propria identità nella vicenda narrata al punto che gli abitanti di Gallicchio venivano indicati fino a qualche tempo addietro con l'appellativo di Saraceni; trattandosi di una tradizione orale, l'amministrazione, ha tutto l'interesse a recuperarla e salvaguardarla e preservarla per consegnarle alle generazioni future. Pur essendo, le incursioni Saracene, degli eventi abbastanza comuni nella nostra area, in nessun altro posto tali eventi hanno avuto una influenza così forte sull'identità Gallicchiese. Tutto questo rende l'evento unico e legato alla tradizione.
Contesto L'evento viene spalmato su 3 giorni dei quali 2 caratterizzati da rappresentazioni viventi. Una prima rappresentazione, eseguita nella seconda giornata, narra l'invasione e distruzione nel X° sec. di Gallicchio Vetere. Nella terza giornata viene rappresentata una vicenda collocabile nel XVI° sec tratta dall'opera letteraria del prof. Mario Sanchirico intitolata le nozze di Angelina, la quale mette in risalto alcuni aspetti della società rurale e contadina nel periodo feudale e i privilegi della classe dominante, la posizione del clero posta in mezzo alla nobiltà e il popolo affamato.
Descrizione modalita' di gestione Le vicende narrate appartengono alla tradizione orale ma sono state da sempre oggetto di studi da parte di storici locali e di ispirazione di opere letterarie e teatrali. Il particolare fascino esercitato dai 2 eventi sulla fantasia di intere generazioni merita sicuramente una risonanza più ampia attraverso i mezzi moderni di comunicazione e di trasmissione del sapere. Una rappresentazione annuale sarà sufficiente a garantire un adeguato recupero, la salvaguardia e la rivitalizzazione del bene. I cognomi che ricorrono nella rappresentazione sono quelli che ancora oggi conferiscono una connotazione alle famiglie Gallicchiesi. Il protagonista del dramma ?le nozze di Angelina? è stato realmente l'ultimo Barone di Gallicchio e vanta una discendenza ancora oggi identificabile. Il contesto storico viene costantemente richiamato alla memoria dalla toponomastica stradale, dai monumenti storici (Palazzo Baronale), dal linguaggio comune e dalla satira.
Caratteristiche significative L'iniziativa viene strutturata in 3 serate:la prima serata è dedicata ad una fase propedeutica agli eventi da rappresentare ( salotti letterari) ; nella seconda serata viene rappresentata la distruzione di Gallicchio Vetere da parte dei Saraceni come tramandato dalla memoria collettiva e con collegamento con le origini del nuovo paese presso il monastero dei monaci Basiliani; nella terza serata sarà rappresentata la storia Gallicchiese nel periodo medioevale con particolare riferimento ad un episodio leggendario che sottolinea la sopraffazione della classe nobile nei confronti del popolo. Il progetto non solo vuole recuperare l'identità di questa comunità, in modo particolare dei giovani perchè conoscono e coltivino le proprie radici,ma anche come momento significativo per far rivivere motivamente gli eventi alla popolazione e gli ospiti per valorizzare il territorio sia a fini turistici che agli aspetti economici.
Bibliografia V. Mazziotta, Le memorie manoscritto Gallicchio 1926
S. Attolini, Don Giovanni l'ultimo Barone di Gallicchio manoscritto Napoli 1934
P. Tito e R. Robertella, Nuove luci Lucane parte I Avellino 1984
L.Volpe, Gallicchio in cartolina Avellino 2006
M. Sanchirico, Gallicchio dalle origini all'unità Potenza 2008
G. Racioppi, La storia della Lucania e della Basilicata Roma 1889
G. Gay, L'Italia meridionale e il potere Bizantino Firenze 1917
A. Cilento, Luoghi di culto iconografia e forme di religiosità popolare nell'Italia Merid. tra Medio Evo ed età moderna Potenza 1977
A. De Gubernatis, Storia comparata degli usi nuziali in Italia e presso I popoli indo-europei (ristampa) Roma 1990
M. Sanchirico, Le nozze di angelina Potenza 2011
M. Sanchirico, Breve storia delle donne tra emarginazione e emancipazione (append.) Potenza 2012
www.prolocogallicchio.it
www.comune.gallicchio.pz.it
www.lasiritide.it/flash.php?number=2643
www.regione.basilicata.it/giunta/site/Giunta/detail.jsp?

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunita'
Il progetto coinvolge tutta la comunità in modo particolare i giovani. Le associazioni culturali presenti nel territorio, opportunamente informate e sollecitate, hanno dato piena disponibilità a collaborare alle iniziative che si svolgeranno.

Dove Mangiare

In allestimento

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Storico
  • Mese: Agosto
  • Località: Gallicchio
From: