Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

Stampa questa pagina

CINESPETTACOLO

Localizzazione

Comune Brindisi Montagna Parco Storico Culturale Rurale e Ambientale di Basilicata "Grancia"

Foresta Regionale Demaniale Grancia Caterina, Brindisi Montagna, Parco della Grancia 
strumenti: Know how,format cinespettacolo la " Storia Bandita"  luogo: Grande Anfiteatro, Cinescena, Anfiteatro delle aquile, cassa Armonica, teatro burattini, anfiteatro medioevale, Piazza alta, echi etnici, corte degli animali, borgo artigiano/sapori Ristoro del Brigante, locanda di posta, capannone di Monte, Villaggio dei figuranti: foresteria, costumeria, spogliatoi;

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
Valutazione interesse culturale strumento di identità di tutto il mezzogiorno per una storia bandita dalla memoria e dalla storiografia ufficiale.
Contesto Siamo nel contesto storico post-unitario con flash fino alla rivoluzione partenopea.
Descrizione modalita' di gestione Quale modo migliore per raccontare alle future generazioni momenti di storia Bandita alla Memoria, che far rivivere scorci di vita di un tempo. Tutto questo è il Parco della Grancia.
Caratteristiche significative Format Cinespettacolo La Storia Bandita.
Bibliografia Ricerche storiche di Gianpiero Perri e Oreste Lopomo tratti dai testi di Tommaso Pedio.
L'atmosfera è resa spettacolare dall'impiego dei più moderni effetti speciali: proiezioni sulla montagna, potenti sorgenti di suono distribuite sull'intera scena, schermi d'acqua ed effetti pirotecnici realizzati dai grandi maestri dell'Officina Rambaldi, che simulano esplosioni, incendi, battaglie. A completare il magico quadro fatto di luci, suoni e immagini, un'originale colonna sonora impreziosita dalle voci di noti attori come Michele Placido, Orso Maria Guerrini, Paolo Ferrara, Lina Sastri e musicisti italiani come Lucio Dalla, Antonello Venditti, Eddy Napoli.

 

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunità
L'iniziativa proposta, trattandosi di attività turistica, è in grado di creare un impatto sistemico sul territorio, nello specifico nei settori, dell'ospitalità, ristorazione, in-coming, animazione teatrale, e agricolo.
Rilevante e l'impatto sociale sul territorio, circa 400 volontari provenienti dai paesi limitrofi realizzano il cinespettacolo la Storia Bandita.

 

Dove Mangiare

In allestimento

Dove Dormire

Hotel Arcobaleno [Albergo]
Via Ruota, 9
85010 - Brindisi di Montagna (PZ)
Tel. 0971 985082 Fax 0971 985065

Affittacamere Addesio Donato [Affittacamere]
Via Montesanto, 11-15
85010 - Brindisi di Montagna (PZ)
Tel. 338 8408537 Fax 0971 985119

B&B Rago [Bed and breakfast - Standard]
Corso dei Lavoratori, 102
85010 - Brindisi di Montagna (PZ)
Tel. 328 1761683

B&B Villa Damiani [Bed and breakfast - Standard]
C.da Molinello, 1
85010 - Brindisi di Montagna (PZ)
Tel. 340 2235111

Storia e cultura

La storia

In seguito al terremoto del 1456, il borgo di Brindisi di Montagna viene ricostruito alle pendici del duecentesco castello.Il paese si ripopola nel 1536 con l’arrivo di profughi del Peloponneso per volontà del feudatario di Brindisi, Pietrantonio IV dei Sanseverino di Bisignano. Successivamente il feudo passa ai D’Erario, quindi agli Antinori – cui si deve la riedificazione del castello longobardo poi definitivamente distrutto dal terremoto del 1694 – ai Battaglia e, infine, ai Fittipaldi.


Il patrimonio culturale

Visibile da molti punti il castello di Brindisi di Montagna, o quel che ne resta, fa bella mostra di sé, offrendo uno spettacolo suggestivo soprattutto con le luci della sera.
Non si può affermare con assoluta certezza a quale epoca risalga il maniero, per alcuni a quella delle incursioni arabo saracene (IX sec. d.C.), per altri all’Impero Carolingio o, secondo ulteriori ipotesi, al dominio degli Svevi nel Meridione.


Il patrimonio religioso

Visitando il centro storico di Brindisi di Montagna, tappa obbligata deve essere quella alla chiesa madre dedicata a San Nicola,Risalente al XIV secolo, e riedificata nel XVII, Da non perdere è poi la chiesa di Maria Santissima delle Grazie del 1595. Nella foresta spicca complesso monastico “Grancia di San Demetrio”, appartenuto alla Certosa di San Lorenzo di Padula.


Archeologia

Natura, storia, archeologia, impreziosiscono il piccolo borgo medievale di Brindisi di Montagna e il territorio circostante, dove sono state rinvenute interessanti tracce di insediamenti risalenti al III secolo a.C.

Gastronomia


Per quanto sia la semplicità a dominare sulle tavole del posto, è vero anche che i prodotti tipici proposti hanno una prelibatezza unica, lo si comprende assaggiando gli squisiti saluti accoppiati ai saporiti formaggi, tra i quali merita senz’altro un’attenzione in più il pecorino.
Tra i primi piatti, il più tradizionale consiste in una tipologia di pasta fatta in casa, come in gran parte della cultura culinaria della Basilicata. Si tratta delle cosiddette “manate”, proprio perché preparate con le mani, condite con un deciso e buon sugo di salsiccia fresca.

Natura e dintorni


Alle spalle del comune di Brindisi di Montagna, in estate, si schiude al visitatore un incantevole scenario, quello della Foresta Grancia, dove natura, cultura e storia seguono un unico itinerario di continua scoperta!

Altro

In Allestimento

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Storico
  • Mese: Luglio, Agosto
  • Località: Brindisi di Montagna

Galleria immagini

From: