Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

ROCCO SCOTELLARO

Localizzazione

Luogo culturale     
Comunità tricaricese, associazioni, scuole, Centro di documentazione Rocco Scotellaro, gruppi musicali di canto popolare e di danza folkloristica.
Localizzazione geografica     
Luoghi legati alla memoria di Scotellaro, in primo luogo la casa del poeta, i vicoli che hanno ispirato le sue poesie, i quartieri Rabatana e Saracena, il Centro di documentazione, la piazza, la tomba realizzata per volere di Carlo Levi dagli architetti del Gruppo BBPR: Gian Luigi Banfi, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti ed Ernesto Nathan Rogers.

Descrizione del bene



 

 Aree tematiche Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
Valutazione interesse culturale La figura di Scotellaro è profondamente radicata nella cultura Tricaricese, uno dei maggiori poeti e intellettuali lucani impegnati nel vivo delle problematiche del secondo dopoguerra. Animato da una forte carica morale e ideale, profusa nella sua produzione letteraria e nell'impegno politico, ha assunto il valore emblematico delle lotte per il riscatto del popolo meridionale.
Contesto Rocco Scotellaro nacque a Tricarico il 19/04/1923, a 23 anni fu eletto Sindaco di Tricarico, il più giovane Sindaco d'Italia, in un momento difficilissimo per il paese. Piuttosto che la delega promosse e sollecitò la partecipazione dei cittadini, in particolare delle grandi masse di contadini, per i quali rivolta e rassegnazione erano tutt'uno, nelle questioni amministrative e nei problemi essenziali della loro vita quotidiana, prima fra tutte, la possibilità di avere terra da coltivare. Fare politica e fare poesia diventano per lui la medesima cosa, anche la poesia poteva essere strumento di lotta e emancipazione. Egli visse dal 1923 al 1953, negli anni 43-44 ebbe modo di maturare il suo pensiero, ebbe continui contatti con alcuni confinati politici come Carlo Levi, Manlio Rossi-Doria, Camilla Ravera, Emilio Sereni, Franco Venturi, Guido Miglioli in anni particolarmente difficili per la storia italiana. Partecipò alle indagini sulla civiltà contadina in Lucania, condotte da George Peck, Friederick G. Friedmann, Ernesto De Martino e lavorò su un'ampia ricerca sulla cultura dei contadini meridionali, affidatagli da Vito Laterza. Profondo fu il suo legame con Carlo Levi, Rocco Mazzarone e il Movimento di Comunità di Adriano Olivetti. Aperto al dibattito culturale italiano dell'immediato dopoguerra ha lasciato un «centinaio di liriche che a giudizio di Eugenio Montale " rimangono le più significative del nostro tempo». Di sicuro la sua è stata una grande opera di tessitura tra l'antico mondo contadino che non aveva voce e il vorticoso mondo moderno fatto di nuova narrazione.
"L'autentico" come dice Fortini, non è facile ne in politica e ne in poesia.
Il contesto in cui l'opera di Scotellaro si estende, coinvolge altri centri come Matera,Portici, Sicignano degli Arburni, i luoghi Leviani, Aliano e Grassano.
Descrizione modalita' di gestione La figura di Scotellaro viene tramandata di generazione in generazione grazie al lavoro continuo e costante portato avanti dal Centro di Documentazione. Il centro oltre a custodire materiale documentario e fotografico relativo al poeta organizza e partecipa a convegni sulla sua figura, i più recenti:
«Nella Basilicata del secondo dopoguerra. Rocco Scotellaro intellettuale della modernità»
Tricarico, 2013
«Cultura e lingua nell'opera di Rocco Scotellaro»
Tricarico, 2013
Giornata celebrativa su Rocco Scotellaro e le traduzioni inglesi in collaborazione con David & Helen Constantine, Editors Modern Poetry in Translation, The Queen's College - Oxford
Tricarico, 2012;
Convegno di studio «Scotellaro scrittore. Storicità e attualità di un'esperienza»
Tricarico, 2004;
«Nella Basilicata del secondo dopoguerra. Rocco Scotellaro intellettuale della modernità»
Tricarico, 2013;
«Cultura e lingua nell'opera di Rocco Scotellaro»
Tricarico, 2013;
"Rocco Scotellaro e le traduzioni inglesi" in collaborazione con David & Helen Constantine, Editors Modern Poetry in Translation, The Queen's College - Oxford
Tricarico, 2012 ;
Convegno di studio «Scotellaro scrittore. Storicità e attualità di un'esperienza»
Tricarico, 2004
L'opera di salvaguardia della figura scotellariana viene porta avanti anche nelle scuole e nelle associazioni che in più occasioni hanno proposto spettacoli teatrali sul tema. Numerosi studiosi interessati all'opera di Scotellaro continuano la ricerca e la riflessione sulla sua opera attori come Ulderico Pesce che propone annualmente a Tricarico lo spettacolo sull'opera di Scotellaro:
Contadini del Sud di Ulderico Pesce tratto dall'opera di Rocco Scotellaro e Amelia Rosselli.
Caratteristiche significative La figura di Scotellaro assume un valore di attualità e riscoperta in relazione alla sua opera politica e poetica, proprio in virtù della memoria tramandata ai giovani dalle vecchie generazioni.
Bibliografia Francesca Armento, Dalla nascita alla morte di Rocco Scotellaro. Il racconto e le immagini,(Centro di documentazione "R. Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra", Quaderni 1),Congedo, Galatina, 2011.
Allen Prowle, From London to Lucania: translating Scotellaro, con traduzione in italiano di Vito Sacco, in «Frontiere», a. XIII, nn. 25-26, gennaio-dicembre 2012, pp. 15-28.
Giuseppe Palumbo, Uno si Distrae al Bivio. La crudele scalmana.S. Angelo in Formis (CE) : Lavieri, 2013
Giovanni Battista Bronzini, "L'universo contadino e l'immaginario poetico di Rocco Scotellaro", Bari, Edizioni Dedalo, 1987.
Rosario Villari, Il convegno in onore di Rocco Scotellaro, in Cronache meridionali, Anno II, nr.2, febbraio 1955
Franco Fortini, La poesia di Scotellaro, Roma-Matera, Basilicata, 1974.
Franco Vitelli, Bibliografia critica su Scotellaro, Matera, Basilicata, 1977.

 

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunità
La partecipazione della comunità sarà legata sia alle attività di rivitalizzazione dei luoghi e della loro salvaguardia e valorizzazione (pannelli didascalici e informativi) ma anche alla partecipazione diretta di giovani, studenti che avranno voglia di coinvolgersi. Inoltre saranno coinvolte le attività artigianali produttive e di ristorazione, i singoli cittadini per l'ospitalità e la messa a disposizione di case e cantine.
Saranno coinvolte le comunità dei paesi limitrofi in particolare Grassano per la figura di Levi e Matera dove lo spettacolo conclusivo potrebbe essere riproposto.

Dove Mangiare


Ristoranti in albergo

Ostello Fonti
c/o Santuario Madonna delle Fonti - C.da Fonti
75019 - Tricarico (MT)
Tel.: 0835 723660 - Fax: 0835 723660
Cell.: 340 6454336
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.ostellofonti.it
POSIZIONE: distante km. 10 dal centro abitato
PERIODO DI APERTURA: stagionale (maggio - settembre)
TIPO DI CUCINA: tipica locale

 

 

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Storico
  • Località: Tricarico
From: