Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

FESTA DELLA "PITA"

Localizzazione

Luogo culturale     
Comunità di Terranova di Pollino e territori comunali limitrofi
Localizzazione geografica     
La festa della "Pita" tra i "riti arborei" più antichi che si svolgono nel territorio Regionale. Tra la fine di Maggio e gli inizi di Giugno (e precisamente l'ultimo sabato di Maggio in cui avviene il taglio ed trasporto in paese della "Pita" ed il 13 giugno in cui il rito arboreo si unisce misticamente al rito religioso in onore di Sant'Antonio da Padova) la Comunità Terranovese celebra questo plurisecolare rito arboreo ed esterna in modo forte il proprio legame con la montagna, con i boschi e con i riti e le tradizioni. Infatti, la popolazione si reca negli incantati boschi di abete bianco e faggio di Cugno dell'Acero per la scelta ed il taglio di un esemplare di Abete bianco che in onore di Sant'Antonio da Padova viene sacrificato per essere trainato in paese con l'ausilio di buoi e della forza manuale, innalzato e poi scalato dai pIù arditi. Il tutto viene accompagnato dal suono della tipica Zampogna a chiave Terranovese, dagli organetti e da canti e balli tradizionali.

 

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
Valutazione interesse culturale Il rito arboreo della "PITA" un rito plurisecolare fortemente radicato nella comunità terranovese ed esprime in forte e preponderante il legame della popolazione con il proprio territorio. Emblema dell'identità culturale della popolazione di Terranova, rappresenta il legame con la natura, con i boschi, con la grande religiosità mistica (la "Pita" e la sua festa infatti sono fatte in onore di Sant'Antonio da Padova) e con le tradizioni etno-antropologiche (Infatti la presenza dei suonatori di zampogna a chiave, organetti e di canti e balli rituali tradizionali è elemento imprenscindibile di tutta la festa). Il rito arboreo della "Pita", momento di gioia e unità per la comunità , si conserva negli anni nonostante il forte spopolamento del territorio che ne mette a rischio lo svolgimento e segna l'uscita dal rigido inverno delle montagna lucana e l'inizio della stagione estiva.
Contesto Il rito arboreo della "Pita" rappresenta per la comunità locale l'uscita dal rigido inverno della montagna lucana ed è l'emblema del profondo legame della popolazione con il territorio e con la natura. Il rito arboreo si unisce misticamente al rito religioso in onore di Sant'Antonio da Padova in una commistione di sacro e profano molto suggestiva e coinvolgente in cui le tradizioni, la storica cultura contadina ed i riti della tradizione popolare sono l'elemento distintivo ed unico della festa. Elementi unici e caratteristici della festa sono la musica tradizionale eseguita con la Zampogna a chiave e con gli organetti, i canti ed i balli (pastorale e tarantella), nonchè la musica sacra tradizionale eseguita sempre con la Zampogna a chiave durante la processione religiosa del 13 Giugno.
Descrizione modalita' di gestione Le modalità di conservazione del rito arboreo della "PITA" sono legate principalmente alla "pratica". Infatti, le giovani generazioni apprendono visivamente per anni la maestranza dei più adulti e sono parte attiva della festa fin dalla tenera età .
Caratteristiche significative Il rito arboreo della "Pita" per la comunità locale l'emblema del profondo legame della popolazione con il territorio e con la natura. Il rito arboreo si unisce misticamente al rito religioso in onore di Sant'Antonio da Padova in una commistione di sacro e profano molto suggestiva e coinvolgente in cui le tradizioni, la storica cultura contadina ed i riti della tradizione popolare sono l'elemento distintivo ed unico della festa. Elementi unici e caratteristici della festa sono la musica tradizionale eseguita con la Zampogna a chiave e con gli organetti, i canti ed i balli (pastorale e tarantella), nonché la musica sacra tradizionale eseguita sempre con la Zampogna a chiave durante la processione religiosa del 13 Giugno.
Bibliografia - "Miti e riti di Basilicata: il carnevale e le feste della natura nella tradizione regionale"; Agenzia di Promozione Territoriale Basilicata, 2011; - Airone; Giorgio Mondadori e Associati S.p.A., 2000; - "L'albero di Terranova"; www.erodoto108.com, 2014; - www.lasiritide.it

 

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunità
Attraverso un lavoro già avviato e fortemente voluto dall'attuale amministrazione, si vuole radicalizzare Marino di Teana nel suo territorio di appartenenza, divulgando il suo pensiero artistico e filosofico. Si è voluto coinvolgere la comunità attraverso manifestazioni culturali ed eventi, ma siamo solo all'inizio, e, l'installazione di cinque sculture monumentali che qualificano eccellentemente il tessuto urbano di Teana sono il segno tangibile di una volontà politica e di una forza locale che vuole crescere e confrontarsi, attivando attraverso un processo di riqualificazione culturale una maggiore offerta turistica e quindi nuove opportunità lavorative, con riscontri positivi sull'economia locale

Dove Mangiare

Ristoranti

Ristorante Tipico Luna Rossa
Via Marconi, 18
85030 - Terranova di Pollino (PZ)
Tel.: 0973 93254
Cell.: 347 8567385
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.federicovalicenti.it
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: mercoledì
TIPO DI CUCINA: tipica locale - per intolleranti (celiachi, diabetici, ecc.)

Ristoranti in albergo

Albergo Ristorante La Grotta Viola
Via Convento, 6
85030 - Terranova di Pollino (PZ)
Tel.: 0973 93165 - Fax: 0973 93165
Cell.: 340 3686252
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
POSIZIONE: centro
PERIODO DI APERTURA: annuale
NOTE: Si organizzano escursioni diurne e notturne

Agriturismi

Az. Agr. Acquagentile
C.da Casa del Conte - Loc. Casa del Conte
85030 - Terranova di Pollino (PZ)
Tel.: 0973 93307
Cell.: 349 8334693
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.acquagentile.com
POSIZIONE: distante km. 6 dal centro abitato
PERIODO DI APERTURA: annuale
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità carne - vegetariana

Az. Agr. di Alagia Vincenzo
Via Casa del Conte, 26
85030 - Terranova di Pollino (PZ)
Tel.: 0973 93390
Cell.: 348 8120013
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.agriturismoalagia.it
POSIZIONE: periferia
PERIODO DI APERTURA: stagionale (01/04-07/01)
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: lunedì-martedì
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità carne

Az. Agr. Giardini degli Dei di Cirigliano Maria
C.da Casa del Conte
85030 - Terranova di Pollino (PZ)
Tel.: 0973 93037 - Fax: 0973 93037
Cell.: 340 3727628
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.giardinideglidei.it
POSIZIONE: distante km. 5 dal centro abitato
PERIODO DI APERTURA: annuale
GIORNATA DI RIPOSO SETTIMANALE: martedì
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità carne

Az. Agr. Masseria Cantore
C.da Casa del Conte
85030 - Terranova di Pollino (PZ)
Tel.: 0973 93077 - Fax: 0973 93077
Cell.: 347 5169818
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
POSIZIONE: distante km. 7 dal centro abitato
PERIODO DI APERTURA: annuale
TIPO DI CUCINA: tipica locale - specialità carne

 

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Demoetnoantropologico
  • Mese: Maggio
  • Località: Terranova del Pollino
From: