Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

GIORNATE BASILIANE

Localizzazione

Luogo culturale     
Comunità comprensoriale raggruppante tutte le realtà locali storicamente correlate ad una comune radice basiliana.
Localizzazione geografica     
Abbazia di Sant'Angelo al Monte Raparo (sec. X-XI), a circa 6 chilometri dall'abitato di San Chirico Raparo. Opera di ricostruzione ultimata. Saranno presto attivati i lavori di intervento interessanti la Grotta, sede dell'antico insediamento Cenobitico fondato da S. Vitale da Castronovo di Sicilia, con allestimento di installazioni multimediali e scenografiche.

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
Valutazione interesse culturale Il Sito si fregia del titolo di Monumento Nazionale dal 1927. Rappresenta la principale radice storica di una vasta fascia di territorio lucano, essendo connaturato a quella particolare forma di espansione migratoria di monaci Oranti aderenti all'Ordine Basiliano, sospinti, dalle imperanti lotte iconoclaste, a trovare rifugio in anfratti naturali di luoghi appartati e solitari. La Comunità monastica di S. Angelo al Monte Raparo è ascrivibile al carisma di S. Vitale da Castronovo di Sicilia, che ne condusse le orme risalendo la punta dello stivale sino a raggiungere i luoghi prescelti in Calabria e Basilicata, fondandovi i rispettivi Cenobi. Il Sito rappresenta, quindi, le origini della Storia moderna dell'area di interesse, collocandosi al centro dell'epoca medievale, sospingendo fortemente i processi di impronta aggregativa sociale e religiosa delle popolazioni indigene.
Contesto Il contesto storico di vita attiva del sito si dipana in un periodo relativamente breve a partire dal sec. X fino al sec. XVI, epoca in cui probabilmente inizia il graduale declino ed abbandono del presidio. Nell'Area, da antica tradizione medievale, si continuò a mantenere vivo il culto Micaelico, mediante forme di pellegrinaggio da parte delle popolazioni contermini, almeno fino al sec. XVIII, nel giorno di S. Michele Arcangelo il 29 settembre, con annessa fiera di mercanzie e prodotti diversi.
Il contesto di riferimento fu anche fonte di ispirazione poetica per l'Umanista Giovanni (o Gioviano) Pontano che, nella sua raccolta "Meteororum Liber", dedicò spazio con esametri di infinita bellezza al mito del Fauno Capripede innamorato della Ninfa Ripenia, sulla scia della tradizione che colloca le ninfe e i fauni come antichi abitatori dei boschi, degli anfratti e delle acque.
Descrizione modalita' di gestione Le fonti di conservazione sono in gran parte letterarie, documentali e iconografiche, nonchè orali.
Nel corso degli ultimi anni, in associazione all'azione di recupero e ricostruzione Monumentale attuata grazie all'investimento di cospicue risorse pubbliche, l'attività è stata indirizzata a promuovere un sistematico palinsesto di interventi di animazione territoriale, mediante realizzazione di eventi a tema, indirizzati a sostenere la compatibilità del lancio turistico e promozionale del bene tangibile di riferimento.
Sono state, quindi, attivate numerose iniziative condotte in direzione della valorizzazione dei diversi temi perseguibili e sintetizzati di seguito:
1. Letterario, demo-antropologico e storico (mitologia di Pan - evocazione poetica di Giovanni Pontano - i primi insediamenti cenobitici e dei culti micaelici sotterranei)
2. Narrativa o fabula delle acque, dei boschi e delle grotte (il mito di Capripede e Ripenia)
3. Santità e vissuto religioso - Ascetismo - culti sotterranei (l'insediamento monastico basiliano insediato da San Vitale da Castronovo di Sicilia nell'anno Mille all'interno della Grotta di S. Angelo al Monte Raparo, ove restano perfettamente visibili i segni del primigenio Cenobio sotterraneo della Comunità)
4. Ambientale (sito di interesse ambientale del Parco Nazionale Appennino Lucano - la grotta custodisce un'importante colonia di pipistrelli).
Le iniziative sono state condotte a partire dal 2006, con partecipazione al progetto internazionale Musnet EugalC avente a tema la realizzazione di scambi di esperienze per la realizzazione di iniziative riguardanti gli "Ecomusei", condotto in forma partenariale tra la Basilicata, il Friuli e la Repubblica Ceca. Ne sono derivate iniziative di animazione storica di seguito elencate:
"Terramadre";
"Antiqua - il borgo letterario"
"Giornate Basiliane"
"Corteo storico basiliano"
"Premio Città Basiliana".

Il Comune ha assunto, a partire dal 2010, la denominazione di Città Basiliana.
Caratteristiche significative Gli elementi di intangibilità riferiti alla presente scheda sono direttamente rapportati alla presenza tangibile del Monumento restaurato e fedelmente ricostruito a testimonianza di una varietà di interconnessioni di tipo culturale, religioso e sociale ripercorribili attraverso forme di intervento promozionale e turistico. Il sito rientra, difatti, tra i principali attrattori del Piot Val d'Agri.
Bibliografia Giovanni (detto Gioviano) Pontano, "Meteororum Liber", ca. 1500
D. Paolino Durante, "Vita di Santa Sinforosa con appendice storica sulla comunità di San Chirico a Raparo", Napoli, Tip. Martin, 1813
Emile Bertaux, "L'Art dans l'Italie Meridionale", Paris, 1904
Stefan Bals, "Sant'Angelo al Monte Raparo: Basilicata", Ephemeris Dacoromana, 1933
Giuseppe Paladino, "L'Abbazia di S. Angelo al Monte Raparo", in: Bollettino d'Arte Ministero P.I., 1927

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunità
Si prevedono accordi partenariali con Associazioni locali, al fine di costituire rapporti di rete capaci di sostenere in maniera diretta e partecipata la realizzazione degli eventi. A tal fine, si ritiene utile ribadire l'esperienza già consolidata nel corso delle precedenti annualità, ripristinando sistemi di rete comunitaria, secondo la tipologia del Partenariato Culturale Locale. Detta rete dovrà essere implementata su base territoriale, creando rapporti stabili con tutte le comunità regionali aventi comuni radici basiliane e greche ortodosse.

Dove Mangiare

La Dimora di Eolo [Affittacamere]
Via Legnano, 21
85030 - San Chirico Raparo (PZ)
Tel. 0973 631380 Fax 0973 631380

B&B Foresteria delle Naiadi [Bed and breakfast - Standard]
Via Rubicone, 12
85030 - San Chirico Raparo (PZ)
Tel. 328 0670262

Az. Agr. Titolo Montagna [Agriturismo]
Loc. Titolo Montagna
85030 - San Chirico Raparo (PZ)
Tel. 0973 835438

 

Fonte: APT Basilicata

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Percorso Storico
  • Mese: Luglio, Agosto, Settembre
  • Località: San Chirico Raparo
From: