Al fine di offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

To get directions enter your address and right click on the desired marker.

Localizzazione

Luogo: Brindisi Montagna
Organizzazione: Pro Loco Brindisi Montagna
Partner: Associazione di Rievocazione storica Historia - Bari, Associazione Cultuale I Fieramosca - Barletta, Centro studi Nundinae - Gravina

Paese Brindisi Montagna
Luoghi: Castello Fittipaldi, Chiesa San Nicola Vescovo, Chiesa Maria s.s. delle Grazie, Piazza Libertà
Strumenti: Tende medioevali, stands medioevali, abiti del XIII secolo, bandiere, stendardi, armature, costumi del XIII secolo.

Descrizione del bene

 Aree tematiche Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
Valutazione interesse culturale Le Giornate Medioevali rappresentano per Brindisi Montagna un affascinante e consolidato appuntamento con la storia.
Ogni anno, dal 1999, durante l'ultimo week-end di ottobre, il visitatore ha la possibilità di fare un tuffo nel passato, immerso in una atmosfera evocativa fatta di cavalieri, nobildonne, giullari, menestrelli, artigiani, falconieri, musici, combattenti, arcieri e tanto ancora, nella quale si riproporranno suoni e sapori di un tempo, che aprono uno spiraglio sulla storia del Feudo di Brindisi Montagna, a partire dall'investitura di Guidone de Foresta a Primus Dominus Brundusii de Montagna et Ansiae (1268).
L?intendo della Pro Loco è quello di ricreare la suggestione di tempi passati e valorizzare il complesso monumentale del Castello, simbolo della nostra Comunità, senza dimenticare l?importanza di fissare nei nostri cuori e nelle nostre menti un ricordo che non può essere dimenticato, il ricordo della nostra storia e delle nostre origini.
Contesto Le Giornate Medioevali di Brindisi Montagna nascono ormai 16 anni fa, dalla voglia, della locale Pro Loco, di creare un evento che potesse portare ad ottobre, nel Paese, tutti quei visitatori che durante l'estate erano transitati al Parco della Grancia. Immediatamente però i responsabili della Pro Loco, si rendono conto che creare un evento qualunque avrebbe fatto poca presa sulla voglia di tornare a Brindisi durante l'autunno e cercarono di dare all'evento un volto diverso dalla solita festa folcloristica. Ed ecco giungere alla scoperta delle proprie radici! Grazie alla pubblicazione di alcuni studi fatti da autori locali si viene a sapere che Guidone de Foresta, nel 1268, diviene Primus Dominus Brundusii de Montagna et Ansiae ed è su questo evento, di certa derivazione e fonte storica, che si decide di realizzare la manifestazione
Descrizione modalita' di gestione L'Organizzazione e gestione è effettuata dalla Pro Loco Brindisi Montagna, a supporto abbiamo le attività commerciali locali, che cofinanziando al 20% dei costi. Oltre alla parte rievocativa storica e spettacolare all'interno della manifestazione viene organizzata una sagra con più di 20 attività commerciali locali, all'interno della quale vengono valorizzate le eccellenze delle carni lucane (podolica, agnello delle dolomiti, suino nero).
Caratteristiche significative La manifestazione si svolge da 16 anni l'ultimo week-end di ottobre, si parte dal sabato pomeriggio dalle 16:00 fino alle 24:00, e la domenica dalle 10:00 alle 24:00.
Per l'occasione Brindisi Montagna diventa un villaggio medioevali, con accampamenti di cavalieri, arcieri, combattenti, falconieri, museo della tortura itinerante, spettacolo di giocoleria, di teatro, musica itinerante, spettacolo di fuoco, spettacolo di falconeria, sfilata e cerimonia d'investitura.
Bibliografia Libri:
"La Terra Contesa, feudalità, economia, demografia e conflitti a Brindisi Montagna" di Rocco Larocca.
"Dall'Albania a Brindisi di Montagna all'Italia, cronistoria dal 1262 al 1927" di Andrea Pisani.

 

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunita'
Tutte le attività economiche locali sono coinvolte nell'organizzazione della sagra, circa 20 attività. Oltre ad un impatto locale l'iniziativa produce effetti positivi anche nel territorio limitrofo, infatti molti sono i visitatori circa 20.000 proveniente da fuori regione, i beneficiari sono sopratutto le strutture alberghiere ed extra-alberghiere.
Oltre all'impatto economico, molto importante è anche l'impatto sociale sulla comunità di Brindisi Montagna, rivivere momenti del passato aiuta a far crescere il senso di appartenenza della comunità stessa, partecipazione che si realizza con il coinvolgimento dei cittadini locali nel momento della sfilata.

 

 

Dove Mangiare

In allestimento

Fonte: APT Basilicata

Pubblicato in Itinerari
Giovedì, 30 Marzo 2017 14:25

CINESPETTACOLO

Localizzazione

Comune Brindisi Montagna Parco Storico Culturale Rurale e Ambientale di Basilicata "Grancia"

Foresta Regionale Demaniale Grancia Caterina, Brindisi Montagna, Parco della Grancia 
strumenti: Know how,format cinespettacolo la " Storia Bandita"  luogo: Grande Anfiteatro, Cinescena, Anfiteatro delle aquile, cassa Armonica, teatro burattini, anfiteatro medioevale, Piazza alta, echi etnici, corte degli animali, borgo artigiano/sapori Ristoro del Brigante, locanda di posta, capannone di Monte, Villaggio dei figuranti: foresteria, costumeria, spogliatoi;

Descrizione del bene

 

 Aree tematiche Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
Valutazione interesse culturale strumento di identità di tutto il mezzogiorno per una storia bandita dalla memoria e dalla storiografia ufficiale.
Contesto Siamo nel contesto storico post-unitario con flash fino alla rivoluzione partenopea.
Descrizione modalita' di gestione Quale modo migliore per raccontare alle future generazioni momenti di storia Bandita alla Memoria, che far rivivere scorci di vita di un tempo. Tutto questo è il Parco della Grancia.
Caratteristiche significative Format Cinespettacolo La Storia Bandita.
Bibliografia Ricerche storiche di Gianpiero Perri e Oreste Lopomo tratti dai testi di Tommaso Pedio.
L'atmosfera è resa spettacolare dall'impiego dei più moderni effetti speciali: proiezioni sulla montagna, potenti sorgenti di suono distribuite sull'intera scena, schermi d'acqua ed effetti pirotecnici realizzati dai grandi maestri dell'Officina Rambaldi, che simulano esplosioni, incendi, battaglie. A completare il magico quadro fatto di luci, suoni e immagini, un'originale colonna sonora impreziosita dalle voci di noti attori come Michele Placido, Orso Maria Guerrini, Paolo Ferrara, Lina Sastri e musicisti italiani come Lucio Dalla, Antonello Venditti, Eddy Napoli.

 

Piano di salvaguardia proposto

Partecipazione comunità
L'iniziativa proposta, trattandosi di attività turistica, è in grado di creare un impatto sistemico sul territorio, nello specifico nei settori, dell'ospitalità, ristorazione, in-coming, animazione teatrale, e agricolo.
Rilevante e l'impatto sociale sul territorio, circa 400 volontari provenienti dai paesi limitrofi realizzano il cinespettacolo la Storia Bandita.

 

Dove Mangiare

In allestimento

Fonte: APT Basilicata

Pubblicato in Itinerari